Nel mio mestiere o arte scontrosa

Questo è un blog nonviolento: se non siete d'accordo con i contenuti per favore menatevi da soli

Dylan Thomas, “E morte mai più avrà dominio”


E morte mai più avrà dominio.
I morti nudi, loro saranno tutt’uno
Con l’uomo nel vento e la luna a ponente;
Quando le ossa, una volta spolpate, rese pulite svaniranno,
Loro avranno stelle a gomiti e piedi;
Benché impazziscano saranno sani;
Benché affondino in mare, si alzeranno di nuovo
Benché gli amanti si perdano, l’amore resterà;
E morte mai più avrà dominio.

E morte mai più avrà dominio.
Sotto le spire del mare
Giacendo a lungo non moriranno al vento;
Contorcendo torturati mentre cedono i tendini,
Bloccati a una ruota, loro non si romperanno;
La fede nelle loro mani si spezzerà in due,
E l’empio unicorno correndo li trapasserà;
lacerati da ogni parte loro non crolleranno;
E morte mai più avrà dominio.

E morte mai più avrà dominio.
Più non potranno i gabbiani urlare ai loro orecchi
O le onde infrangersi urlando sulle coste;
Dove un fiore spuntò mai più potrà un fiore
Alzare la testa contro i colpi della pioggia;
Benché impazziti e morti inchiodati,
Le loro teste dalle margherite batteranno;
Irromperanno nel sole finché il sole cederà,
E morte mai più avrà dominio.

And death shall have no dominion.
Dead men naked they shall be one
With the man in the wind and the west moon;
When their bones are picked clean and the clean bones gone,
They shall have stars at elbow and foot;
Though they go mad they shall be sane,
Though they sink through the sea they shall rise again;
Though lovers be lost love shall not;
And death shall have no dominion.

And death shall have no dominion.
Under the windings of the sea
They lying long shall not die windily;
Twisting on racks when sinews give way,
Strapped to a wheel, yet they shall not break;
Faith in their hands shall snap in two,
And the unicorn evils run them through;
Split all ends up they shan’t crack;
And death shall have no dominion.

And death shall have no dominion.
No more may gulls cry at their ears
Or waves break loud on the seashores;
Where blew a flower may a flower no more
Lift its head to the blows of the rain;
Though they be mad and dead as nails,
Heads of the characters hammer through daisies;
Break in the sun till the sun breaks down,
And death shall have no dominion.


Annunci

Di' pure la tua, giuro che mi interessa un casino

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: