Nel mio mestiere o arte scontrosa

Questo è un blog nonviolento: se non siete d'accordo con i contenuti per favore menatevi da soli

Poesiucola VIII



Lascia che irrompa la luce

Lascia che irrompa la luce ed accoglila
sul tuo volto indurito dagli argini
e dal gesso di maschere logore;
lascia che i raggi del sole ti sfiorino,
ti accarezzino e ti bacino;
lascia che ti sorprenda la rugiada
pioggia segreta dei notturni incanti.

Non tutto il dolore si radica
nei giardini innocenti
per recidere steli e spezzare
corolle palpitanti.
Non seppellire nel fato gli sfregi,
non giudicare secondo vergogna;
non chinare le spalle
sotto il peso dei cieli colpevoli:
persino il mondo è sorto dalle tenebre.

Lascia che irrompa la luce e t’insegni,
oltre la morsa d’infami abitudini,
che strisciare non serve ai piedi alati
che si dimenano per fauci e trappole
in agguato nei pressi del dirupo
in cui si annida il passato che crepita,
mentre sul ciglio si angoscia il respiro.

Nelle maree del nostro vivere fragile
Non ingiuriare nell’ombra la luce
se non irrompe a mostrare la rotta,
ma cercala con occhi che non crollano
sotto il peso dei cieli incurvati.

Annunci

Di' pure la tua, giuro che mi interessa un casino

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: