Nel mio mestiere o arte scontrosa

Questo è un blog nonviolento: se non siete d'accordo con i contenuti per favore menatevi da soli

Dylan Thomas, “Ventiquattro anni”


Ventiquattro anni rammentano le lacrime degli occhi miei.
(Seppellisci i morti per paura che vadano alla tomba con sudore.)
Nell’ogiva dell’uscio naturale ero accucciato come un sarto
Cucendo un sudario per un viaggio
Sotto la luce del sole carnivoro.
Vestito per morire, la sensuale andatura iniziò,
Con le mie rosse vene colme di denari,
Nella rotta finale della città elementare
Io procedo per quanto è lungo il sempre.

Twenty-four years remind the tears of my eyes.
(Bury the dead for fear that they walk to the grave in labour.)
In the groin of the natural doorway I crouched like a tailor
Sewing a shroud for a journey
By the light of the meat-eating sun.
Dressed to die, the sensual strut begun,
With my red veins full of money,
In the final direction of the elementary town
I advance as long as forever is.

Annunci

Di' pure la tua, giuro che mi interessa un casino

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: