Nel mio mestiere o arte scontrosa

Questo è un blog nonviolento: se non siete d'accordo con i contenuti per favore menatevi da soli

Poesiucola XII


Gemini

Di nuovo nel vortice.
Il volto nobile e quello meschino
uno di fronte all’altro nel tormento:
il trionfo del serpente e
l’assenza della grazia
che premono, mi spingono e mi scindono
non più custode di me stesso.

Ora dovrò riconoscere al tempo
la folle scelta di prestare il fianco
alle catene, maschera di Andromeda
prigioniera del mito di un Perseo.

E dovrò distaccarmi dallo scoglio,
frontiera esposta agli oceani di sale,
privarmi del respiro e quindi immergermi,
prima che gli occhi si abituino alla tenebra

E dovrò inghiottire oceani di sale,
per vedere di nuovo la terra
e poggiare i piedi sull’erba.

E dovrò pronunciare il pentimento
contro il mugghiare ambiguo della colpa
che scuote e ripercuote, cupa e tetra,
fronde di alberi anonimi,
e condurlo, scansando via l’orgoglio,
vagando solo e impaurito
lungo il bisogno di giorni migliori.

E dovrò destreggiarmi, goffo e pavido,
tra chiodi acuminati e vetri taglienti
per risalire in cima alla montagna
e affondare il viso nella grazia
che balugina e scaccia il serpente.

Annunci

Di' pure la tua, giuro che mi interessa un casino

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: