Nel mio mestiere o arte scontrosa

Questo è un blog nonviolento: se non siete d'accordo con i contenuti per favore menatevi da soli

Cari grillini, l’uomo discende dalla scimmia o da Ambra Angiolini?


Cari grillini (o pentastellini),
vorrei condividere alcune osservazioni e alcune domande a commento di questo video:



1) la coscienza morale è soft o hard? Il senso di legalità, l’idea che ricoprire una carica pubblica si accompagni a dei doveri, a delle responsabilità, è soft o hard? Quando il dilemma non è pratico (cosa fare in merito a questa cosa, questa situazione, questa persona), ma morale (che valore ha questa cosa, questa situazione, questa persona), o quando bisogna ragionare, pensare, riflettere sulle conseguenze delle nostre azioni al di là dell’atto di scegliere, servono skills soft o hard? Fàmo che servono so and so skills? Se il messaggio che si diffonde è “per fare politica, basta avere una connessione internet e chiedere a chi ne sa più di noi”, non si sta per caso chiedendo a chi legittimamente e lodevolmente vuole fare politica in modo attivo di essere un burattino, e di essere un burattino tanto più bravo quanto più capace di fare ciò che viene suggerito? Perché uno potrebbe ricevere, durante la riunione di consiglio comunale, un cattivo suggerimento, ma se non ha competenze in materia non può verificare, ragionare sui pareri che riceve, e allora che facciamo? Se fidàmo perché tanto in rete sono tutte brave persone, mentre i cattivi non usano il pc? Nel dubbio basta dimostrare (sfoggiare) di saperne più dei presenti, avere ragione per mancanza di argomenti altrui? Qual è il punto, che per amministrare non serve essere competenti, basta avere a che fare con “colleghi” (la casta… buuu, abbasso, vaffanculo) più ignoranti? Ma così non esiste una realtà, un mondo oggettivo con cui fare i conti, un mondo fatto di complessità, di problemi, di possibilità che vanno indagate. Così esiste la semplificazione permanente in assenza di verità: se ho ragione allora quel che dico è vero, e se ho una connessione internet e un portatile riesco a decidere che cosa sia vero e che cosa sia falso. Il punto è la velocità nell’ovviare alla propria ignoranza, e la lentezza degli altri nell’ovviare alla propria: non è mai la ricerca del vero. A me pare “1984 –wireless edition”.
2) Ad un grillino (o pentastellino), paradossalmente, serve una classe politica vecchia, ignorante e incompetente che non sappia usare internet. Se in consiglio comunale ci fossero dei giovani con competenze specifiche, in grado di usare la rete, i candidati “ideali” grillini farebbero la figura dello studente che a scuola non ha studiato e s’ingegna per farsi passare le risposte dai compagni in prima fila. Cioè, io a scuola, che non studiavo mai chimica, non ero somaro, ero un precursore! (“L’ignoranza è forza”). Come era un precursore Gianni Boncompagni quando dava suggerimenti via auricolare ad Ambra Angiolini, ai tempi di “Non è la Rai”. Ambra Angiolini è il prototipo di Mattia Calise?
E io mi dovrei sentire rappresentato, dovrei dormire tranquillo nell’aver eletto una persona esercitando un mio diritto, quando questa persona è un Giovanni che si fa passare le risposte? Ma Giovanni, quando va dal dentista, sceglie uno bravo, o uno che si fa dire via Skype come trapanare e otturare? Giovanni, se per disgrazia un suo parente deve essere operato, vuole un chirurgo serio, competente e preparato, oppure uno che opera in video chat? E se deve prendere un aereo, vuole che il pilota sappia il fatto proprio, o pensa che sarebbe fantastico se fosse il resto dell’equipaggio a dirgli cosa fare? “Alza la seconda levetta in alto”, “Ok”, “No! Non quella!”.
3) Com’è che ognuno vale uno, però se sei candidato con un altro partito vali zero, e non mi devo confrontare con te? Su che principio? Perché non conviene al candidato a 5 stelle? Oh, vi do un suggerimento, una micro-hard skills: non conviene a nessun candidato confrontarsi! Non conviene perché quello che normalmente dice senza contraddittorio (su internet, nei comizi, per esempio) può essere smentito con dati, può essere smontato dialetticamente. Può succedere che qualcuno, argomentando, discutendo, riflettendo, faccia cadere le argomentazioni fallaci come castelli di carte al primo soffio di vento; può essere, come si dice in gergo, beccato in castagna. Il confronto tra candidati, infatti, serve (servirebbe) ai cittadini, agli elettori.
4) Io capisco che la geografia e l’urbanistica siano hard skills, però dire che Bologna “come dimensione, come realtà, come complessità” è simile a Milano mi pare, per usare una soft skills, una minchiata. Non so, magari sbaglio, e allora meglio controllare su internet come un Giovanni qualunque. Guardando sul sito dei comuni di Milano e Bologna, noto che sono un po’ difficili da consultare (usare internet è una hard skills, d’altronde), e allora cerco dei dati più soft, andando su wikipedia:
Come dimensioni Milano ha 1.321.113 abitanti.
Bologna ne ha 381.860.
Facendo dei calcoli (hard skill) usando la calcolatrice (soft skill), viene fuori che Milano ha circa 4 volte gli abitanti di Bologna. Per dire, io sull’autobus sto seduto su un posto da uno di solito, non è che, “come dimensione, come realtà, come complessità” il mio sedile sia uguale a uno da quattro, e allora sul sedile che occupo ci possono stare altri tre passeggeri.
Ma poi, per capire… L’equivalente milanese della Torre degli Asinelli quale sarebbe? Il Pirellone?
Ma poi: se sono simili, un Giovanni di Bologna è in grado, appena arrivato a Milano, di orientarsi subito e perfettamente? Sa quali i sono i problemi, le risorse della città? Sa, per esempio, se di notte conviene andare in una certa zona, oppure lì è meglio stare alla larga perché c’è un tasso di criminalità elevato?

A me pare che di simile, tra le due città, ci sia solo questo: se per amministrarla devi farti guidare via internet, essere eletto in una piuttosto che in un’altra non fa differenza. Ma, come detto, questo significa decidere a priori che la realtà, il mondo, ciò che è oggettivo, la verità (ossia “Milano non è simile a Bologna ma neanche per il ciufolo”) non ha importanza, si può fare finta che non esista, almeno finché non ci sarà il sito www.verita.it da consultare.
Ecco, caro tizio del video, Caro Giovanni, Caro Giuseppe detto Beppe, cari Grillini tutti, vorrei essere chiaro. Non facciò parte di nessuna casta (buuu, abbasso, vaffanculo), non mi interessa la visibilità (non ci pago le bollette). Non sono filosofo, ché richiede troppe hard skills, né mi faccio le pippe mentali, che pure non sporcano e sono dunque ecosostenibili.
Il punto è che io, di voi, ho proprio una paura fottuta.

Annunci

9 risposte a “Cari grillini, l’uomo discende dalla scimmia o da Ambra Angiolini?

  1. giuseppe maggio 11, 2011 alle 10:25 pm

    Carissimo Civati, ti ho visto all’assemblea di cesena, mi sembravi una persona abbastanza corretta ( al di la che sei del PD ), comunque l’impressione era di avere davanti una persona diversa dai soliti politicanti di sempre.
    Ma, se fai queste uscite ” da professore “, giudicando su delle cose,che al momento sono meno gravi di tante altre…perdi di credibilita’.
    La mia speranza era,che quando NOI ARRIVEREMO,era di trovare gente come te all’opposizione,gente,che facesse vera opposizione ( se mai ce ne fosse stata il bisogno ).
    Ma vedo che anche te,non sei tanto diverso dai tuoi compagni.
    Sarei propio curioso di vederti a confronto con Giovanni Favia,se mai ci fosse,anche dopo le elezioni, verrei in capo al mondo.
    Ma me lo immagino di gia’…comportamento da parte tua,molto corretto,e molto bravo nel dialogo ( come a cesena ),ma poi,dopo,capace di fuori uscite come queste,nel far polemiche nello stesso identico modo,che anno i tuoi compagni.
    Complimenti.

  2. Viola maggio 12, 2011 alle 12:34 am

    Giuseppe, prima di continuare questa interessante discussione, per favore toglimi un dubbio: ma come mai pensavi di essere sul blog di Civati? Ti prego rispondimi, altrimenti stanotte io non dormo!

  3. Pingback:1984 Wireless Edition | YATTARAN

  4. Pingback:La selezione della settimana | YATTARAN

  5. emmanuel maggio 19, 2011 alle 4:13 pm

    No Matteoplatone, non è uno scherzo, è un grillino. E ha scritto anno, si senza l’ “h”. Si scusate lo so, sono un intellettuale fissato con una triennale in filosofia e una scatoletta di tonno per cena.

Di' pure la tua, giuro che mi interessa un casino

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: