Nel mio mestiere o arte scontrosa

Questo è un blog nonviolento: se non siete d'accordo con i contenuti per favore menatevi da soli

Postiamo un po’ di link così si capisce che sono tornato


Intanto: qui su Scrittori Precari continua La società dello spettacaaargh!. Si parlava tra le altre cose di tic linguistici ecc., ed è arrivato il troll. Ora siamo in pieno empirismo!

Poi: è partita raccolta firme per referendum che chiede abolizione della Legge Calderoli, il famigerato e vergognoso Porcellum. Qui il sito del comitato promotore. Sul sito Valigia Blu c’è invece un mio articolo in cui replico a Bersani e alle sue dichiarazioni alquanto assurde su “partiti”, “società civile” e “referendum”.
Su Linkiesta si raccolgono segnalazioni di quei comuni in cui non è possibile raccogliere le firme, infine.

Annunci

2 risposte a “Postiamo un po’ di link così si capisce che sono tornato

  1. Massimo vaj settembre 1, 2011 alle 9:29 pm

    Un “troll” al quale non sai opporre che la tua vigliaccheria nascondendoti come un ratto. Che senso può avere coltivare idee di sinistra se poi ci si comporta annaffiandole con comportamenti di destra? Non meriti neppure gli insulti. Cancella pure questo messaggio, a me non importa che lo leggano altri.

    • matteoplatone settembre 2, 2011 alle 1:11 am

      1- “Ratto” lo scrivi a tua sorella. Non è il primo insulto che rivolgi, ma qui è l’ultimo. Mi sa che se ti devi ‘abbassarre’ con questa frequenza al livello di chi non reputi degno della tua sedicente intelligenza, qualche frustrazioncina ce l’hai. Ecco, scontala da solo, sciò, via, non è un favore che intendo fare, quello di alleggerirti il carico. Da qui in avanti i tuoi commenti andranno in automatico nel cestino. Nemmeno verranno letti, capisci? Tutto il tuo sedicente genio sarà ignorato. Puf! come tanti piccoli aeroplani di carta igienica usata che nessuno raccoglierà (tu guarda!).
      2- Google lascia ampie tracce dei tuoi precedenti trollaggi. Non li commento perché hai ricevuto fin troppa importanza. Capisco sia triste alla tua età, credersi figura paterna e alfiere della verità e ritrovarsi invece troll e senza figli. Ma sono fatti tuoi. Appestaci la tua vita. Sei solo “spreco e compagno di vento”.
      3- Il tuo cervello probabilmente non contempla l’eccezione, troppo intasato dall’ego. Ma non importa, se ne incontrano di persone come te, tranquillo. Scrivi e ragioni dimostrando l’assenza di elementari nozioni di logica, dialettica, metafisica, semantica, linguistica, grammatica ecc., tralasciando empatia e cortesia. La prima difesa dei cialtroni è non ritenere importanti elementi del genere (salvo poi appellarvisi in astratto quando, per risparmiare sugli insulti, si deve far finta di argomentare o si devono imputare a qualcuno quegli errori che ti servono per stare sul piedistallo creato dal tuo stesso ego ipertrofico). Ma puoi usare questa difesa perché naturalmente picchiettare minchiate deliranti è aggratis. Se tu usassi la stessa approssimazione nel lavorare il campo, moriresti di fame. Lì non puoi farlo, qua sì. è la percezione della differenza che mi ha insegnato a mandare a fangùl quelli come te, con grande giovamento, tra l’altro.
      4- Ignorare un cafone non è di destra o di sinistra: è salutare. Mi risulta che cafoni, cialtroni, ignoranti e ciarlatani esistano da un po’ prima dei concetti di destra e sinistra. A quei tempi non c’era il web, per cui gente del genere era più faicile da tenere lontano. Mi hanno sempre fatto pena i Montesquieu 2.0 convinti che la tollerenza nei confronti dei loro “caccaculo” sia un misuratore di civiltà: un modo molto comodo, protetto e sicuro, di nascondere la propria incapacità a coltivare rapporti umani. Abbello, sgàsati!
      5- gne gne gne gne gne gne prrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrr prrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrr prrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrr troll gne gne gne gne prrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrr prrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrr prrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrr troll prrrrrrrrrrrrrrrrrr prrrrrrrrrrrrrrrrr gne gne gne
      6- Saluti alla signora.

Di' pure la tua, giuro che mi interessa un casino

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: